Pinguicola

Pinguicola Wasser


Della famiglia delle Lentibulariaceae comprende 69 specie.

Quella che ho io è una Pinguicola Wesser - un ibrido derivato dall’incrocio tra Pinguicula ehlersiae e Pinguicula moranensis.

Il suo aspetto non fa subito pensare ad una pianta carnivora, ma se ci avviciniamo con una lente di ingrandimento alle sue foglie scopriamo la sua caratteristica “trappola”: sulla foglia ci sono peli miscroscopici le cui ghiandole secernono un liquido vischioso che “incolla” gli insetti.
È lo stesso liquido che poi scioglie e digerisce la preda.

La maggior parte delle pinguicole sono perenni, e tutte hanno la classica forma a rosetta.


America centrale e meridionale, Europa, Asia settentrionale. Ne esistono varietà alpine, che crescono in Italia, ma difficili da coltivare in città - tra queste ricordo la pinguicula reichembachiana della Maiella e la pinguicula leptoceras sulle Alpi Apuane.

Torba di sfagno e perlite - con rapporto 1:3.

Per seme e per talea fogliare.

Da 5° a 30° C. In estate tenete il sottovaso con qualche centimentro d’acqua, mentre in inverno è sufficiente che il terreno sia umido. Se esposte troppo al sole, le foglie della pinguicola passano da un verde brillante ad un rosso cupo.